PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il mio canto

Canto lo lamento de lo mio cor ferito
che la pulzella, fregandomelo
senza alcun indugio, me l'ha rapito,
e a lo vento lo pone sventolandomelo;
et invano è lo mio tormento ito,
tanto tutto sta in quel misero pomelo.
Una serratura a pro' de scasso
che è molto più dura de lo sasso.

 

1
0 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 19/11/2014 12:09
    Bravissimo Don.. scritta benissimo... dolore scasso e sasso
  • Vincenza il 18/11/2014 23:17
    Cantare il proprio dolore ed essere in grado di riuscire a trovare la motivazione dello stesso è da grandi come grande è la struttura della poesia. adoro questo stile. grande
  • Rocco Michele LETTINI il 18/11/2014 14:58
    Parla il distico di chiusa Don... Fantastico per plaudir verseggio...

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0