accedi   |   crea nuovo account

Ricordando Stefania Rotolo

Danzerò
profumata di ardore sempiterno canterò,
in questi anfratti di gioventù
incompribile incalcolabile
come anguilla
ch'irriverente e impietosa sfugge
agli occhi di malferme volontà e amori
che tirannide dolce
cercano di stagliarsi
su briciole di giorni scalpitanti.
Il mio ricordo
cesellato giace
su un respiro di stella ancestrale
che nacque proprio per accogliermi,
la scia maledetta
del mio non potermi compiere,
in questo viaggio che si negò come lunghezza,
or approdato
in rinfrescante latitudine di Paradiso,
sia energia immortale per chi mi amò e amai,
nel vortice seducente del "Grande Slam"
che fu comunque il mio esistere.

 

2
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • cristiano comelli il 20/11/2014 16:23
    Sì, mentre ringrazio Chira, che risento con molto piacere, e il buon Mario di cui accolgo con altrettanta lietezza il commento, aggiungo che la ricordo in particolare nel programmma "Piccolo slam" (che io ho confuso con "Grande slam" cosa di cui mi scuso innanzitutto con Stefania), accanto a Sammy Barbot. Eradavvero una ragazza poliedrica, di grande bellezza anche interiore e non solo esteriore. Perchè certe rose appassiscono subito, maledizione? Forse è vero ciò che diceva il poeta greco Menandro ovvero che muore giovane colui ch'al ciel è caro (ripresa poi mi pare da Giacomo Leopardi). Ma, sia come sia, sono contento che il vostro ricordo di Stefania si sia aggiunto al mio. È un modo per accarezzarla davvero sulla stella in cui ora si trova. Abbracci.
  • Chira il 20/11/2014 14:26
    Con quell'oro nei capelli fu un tornado di bravura... ballava, cantava ed affascinava con il suo brio di gioventù che pareva inarrestabile... Grazie, Cristiano!
  • Mario Olimpieri il 20/11/2014 13:02
    Se dopo tanti anni trascorsi, ancora si ricordano con piacere alcuni personaggi dello spettacolo, significa che la loro bravura era davvero eccezionale.
  • karen tognini il 19/11/2014 11:01
    Ciao Cristiano... come dimenticarla?... me la ricordo anch'io malgrado fossi molto giovane quando lei ci lasciò...


    Il mio ricordo
    cesellato giace
    su un respiro di stella ancestrale
    che nacque proprio per accogliermi,
    la scia maledetta
    del mio non potermi compiere,
    in questo viaggio che si negò come lunghezza,
    or approdato
    in rinfrescante latitudine di Paradiso...
  • loretta margherita citarei il 19/11/2014 03:57
    sempre bellissime le tue poesie commemorative, bravo
  • cristiano comelli il 18/11/2014 17:34
    Esistono stelle che brillano davvero per pochissimo ma lasciano praterie di luminosità inestirpabile. Stefania Rotolo potè brillare davvero per poco. Cantante, ballerina, conduttrice, riuscì subito a entrare nel cuore degli spettatori. A molti anni di distanza da quel 1981 che purtroppo la sottrasse impietoso al mondo dei vivi, ma non alla memoria di chi l'ha amata e apprezzata, vorrei restituire un timido, semplice affresco di stefania cercando di rendere l'idea del suo talento e del suo sorriso. Aggiungerei a corredo una splendida frase del grandissimo Renato Zero a suo ricordo: "E adesso tu sei di scena nel blù, quanto cielo ballerai, ora hai tutto l'immenso per non smettere mai". Che il suo "cocktail d'amore" viva.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0