PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Milano

Sorge per ingegno
Dopo una bufera di neve
Il sogno semplice e piccolo
Che desta il corpo con affetto
E conoscenza

È una linea provvisoria
Che custodisce lo straordinario
Restare insieme
In una città antica quanto
lo sferragliare veloce dei tram

È l'ottimismo è un attimo dissolto
Che insegna la pace
Tra le colonne d'angolo
Che attendono la passione d'amore
Cristallo fermo e ferente

Canto dolente e limpido
Solo in apparenza bizzarro

 

2
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 19/11/2014 12:55
    Veramente molto bella Roberto.. ci sarebbe da farne un film .. e se fosse ancora possibile farla recitare da Marcello Mastroianni.. mentre guarda il Duomo.. dalla sua finestra...
  • Rocco Michele LETTINI il 19/11/2014 07:53
    Una Milano da ricomporre... troppi tasselli saltati la rendono un mosaico inguardabile... Straordinario verseggio... SERENA GIORNATA ROBERTO...

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0