accedi   |   crea nuovo account

Injustitia in Eternit?

Ridete, ignobili, traditrici
invisibili fibre,
che morte baciaste
per scorgervi spirito annientatore.
Eternit aveste per nome,
ma nulla possedete
di immarcescibilmente divino,
se non il vostro sadico marciume,
che danzando andò su dignità di corpi
ignari e indifesi
come ballerino di fuoco urlante,
di amianto avidamente scalpitante,
addestrato a divorare
stridulamente sogghignante,
anime custodite da membra indebolite.
Quando, quando mai pagherai,
quando il tuo conto di sangue
finalmente saldato sarà,
al cospetto di quella giustizia
che s'avventa anch'essa talora
a guisa di lama rovente e indifferente,
su lacrime cesellate dal ricordo,
sul volto di parenti orfani
di amori che davvero avevan nome amori?
Giorno giunga,
su carrozza di rinfrescante,
etica rinascita,
in cui il tuo cancerogeno avventarsi
su chi lavoro creò
e di lavoro si vide morire,
che le spalle gli voltò
come un amico subdolamente traditore,
più non possiederà neppure intenzioni di unghie.
Perchè più non si abbia a gridare,
e le labbra gementi non si rivelino,
nel custodire il morbo dell'espressione,
"injustitia in Eternit".

 

0
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Verbena il 20/11/2014 21:35
    Versi appropriati per una realtà che merita Giusta giustizia.

1 commenti:

  • loretta margherita citarei il 20/11/2014 18:50
    scandalosa sentenza, sono sconcertata è come se avessero ucciso di nuovo quelle persone, bravo cristiano, una bella poesia denuncia

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0