accedi   |   crea nuovo account

Guapperia - atto 4°

Co' li occhi a terra e spine fitte ne lo core,
Finuccia e Carmelina oltre vanno, pur appesantendo il passo,
ma co' l'idea fissa de spaccar a lo Bieco lo core,
a che gli serve tanto, se non è altro che un sasso?
Ma camminando camminando a lor sorride con amore
in una nicchia accovacciata la Madonna del Gran Sasso,
e allor fu che da le mani caddero le lupare
e ne lo mare splendean al fin le lampare.

 

1
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 21/11/2014 06:54
    Splendidamente forgiata... Apprezzata.
  • Vincenzo Capitanucci il 21/11/2014 05:41
    Splendido mosaico Don.. atto 4.. il perdono.. lupare.. lampare.. bellissimo dal fuoco... alla luce...

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0