accedi   |   crea nuovo account

Guapperia - atto 5°

Occhi birbanti, seppur infantili, da lontan tutto vedevan,
e mentre le lampare in mezzo al mar luccicavano silenti,
e su le acque dormienti, argentee luccichii lascevan,
la mente sua, piani elaborava stridenti.
E mentre fochi d'artifici ne lo irto ciel andevan,
la zucca de lo guajone, avea trovato i nessi, seppur lenti;
una delle lupare, un dì faceva sentir pur lo botto
e lo compare Vincenzino, lo faceva cotto.

 

0
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 21/11/2014 06:56
    QUINTA PARTE... E LA MAESTRIA DEL TUO PENSARE S'ELEVA... SERENA GIORNATA
  • Vincenzo Capitanucci il 21/11/2014 05:44
    Bravo Don.. atto 5.. l'imprevisto.. l'imprevedibile..

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0