accedi   |   crea nuovo account

Il magico silvan omaggio ai veri prestigiatori

Dolce, appagato ostaggio
di mani addestrate a stupire,
che digitazioni di dispettosa,
eppur carezzevole illusione,
si scorgono ogn'ra infuocate demiurghe.
Eccovi
moto instancabilmente perpetuo
di carte che frusciano
al docile richiamo di falangi complici
prestigio ch'a truccarsi dispettoso s'adopra
del nome mai svelato di poesia;
sim sala bim
onomatopea sempiternamente fulgida
d'invenzioni ribollenti,
magie che guisa possiedono
di preghiera tenue ma fiera
alla scienza dell'inconsueto.
Freschezza di inviolabili bimbi
Hanno questi conigli sbarazzini
che dal cilindro emergono
ad atavico fascino s'abbevera
stupefacente e arcano
l'illusionismo di un fendere
che mai sarà real fendere
divini corpi di assistenti
racchiuse in un rilucente baule.
Qui siamo e resteremo
sul palco indiavolato e amabilmente vergine
a invitare a cena di fantasmagorie mai cesellate
voi e lo stupore che ci è padre e figlio.
Sim sala bim
si vola sull'aereo incantato della fantasia.




--------------------------------------------------------------------------------

 

2
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Luca il 22/11/2014 06:39
    Le magie, una bellissim forma d'arte che incanterà sempre.
  • Vincenzo Capitanucci il 21/11/2014 16:08
    la magia Silvan.. ne siamo magicamente attratti.. perché sentiamo che esiste anche dentro di noi.. ed una parte del nostro essere che non conosciamo.. che ha voglia di creare dal nulla.. o spostare cose e farle sparire.. o comunicare per telepatia.. la magia ci affascina.. la sentiamo nell'anima.. Sim sale bim.. e si vola.. sa di poterlo fare...
    ...
    penso riguardo al mio scritto ... i messaggi che scrivo in privato arrivano in bianco per non so quale magia ... penso che sia molto importante saper ridere di noi.. di non darci troppa importanza.. di essere umili e gioiosi.. ridere di noi in parte demolisce quell'ego troppo negativo di noi... che si offende troppo facilmente.. che si dà troppa importanza.. sparendo o almeno diminuendo lascia spazio a qualcosa di più grande di più immenso...è la famosa storia della coppa.. se è già piena.. non può essere riempita del nuovo.. allora rido di me.. e mi svuoto.. ahahahah... ed ha ha ha... se sarebbe meglio.. èh èh èh.. un caro saluto Cristiano..

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0