username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Duemilacinque

nel mio mondo non c'è più nessuno
non ci sono sirene o racconti
ne padri o figli, ne madri, nonne o nonni
ne gioie o sentimenti, ne cuori ne occhi, ne bocche, niente bimbi ne vecchi

nel mio nuovo mondo non ci sono colori, ne bianco ne nero
non c'è l'aria e neanche l'arcobaleno
non c'è vita ne dolore
non c'è amore ne sofferenza
non c'è gioia ne indulgenza
non c'è giustizia ne pace
non c'è Mercuzio... e ormai tutto tace!
... e queste stupide rime sono solo parole rubate
... rubate di notte, verso le due, via come ladri

... rubate ad un'esile aria di vita priva di difese che non vale più niente
non come nel mondo segreto e bello di tutta l'altra gente

... ed io!?
io non sono più qui

... perché!?
perché non sono stato,
non sarò,
non ero...

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

14 commenti:

  • rosaria esposito il 26/03/2011 16:41
    mi piace! rubate di notte verso le due... lo faccio anch'io... solo che poi mi scordo tutto.
  • I. mpersonale F. ottuta-mente il 17/11/2007 13:11
    senza parole, mi è piaciuta molto... ma dove è mercuzio? non chiuderti in te stesso, se nn c'è chiamalo perkè la tua vita nn è vero ke nn vale niente e ti assicuro che il mondo là fuori, di tutta l'altra gente, non è così bello e segreto cm appare;apprezza quello ke hai, nn dire che nn c'è nulla, ci sei tu (questa poesia lo dimostra)e questo basta
  • Gabriella Salvatore il 23/10/2007 21:43
    quanto vuoto e desolazione in questi tuoi versi difficile dirti che tu ci sei ci sarai c'eri. Ci sono i tuoi versi, il tuo dolore, hai iniziato a scriverlo, continua
  • Michelangelo Cervellera il 16/10/2007 10:14
    Purtroppo comprendo dolorosamente bene il tuo stato d'animo, a me ha aiutato molto lo scrivere, quindi scrivi di tutto, urla il tuo dolore.
    Michelangelo
  • Aranel_75 il 12/10/2007 17:31
    Più che un commento alla poesia vorrei dirti che c'è sempre qualcosa o qualcuno per cui vivere. SEMPRE. Coraggio...
  • Duccio Monfardini il 10/10/2007 19:04
    AH, DIMENTICAVO... CONTINUA A SCRIVERE CHE SEI BRAVO... POI FRA QUALCHE ANNO QUANDO SIAMO FAMOSI C SI METTE IN SOCIETA'... BONA!!
  • Duccio Monfardini il 10/10/2007 19:02
    CHE DIRTI CUGINO... LA POESIA È BELLA, E MOLTO ANCHE... SE PENSO ALLA SITUAZIONE CHE TE L'HA FATTA SCRIVERE MI VENGONO I LUCCICONI... PERO'... PERCHÈ MOLLARE... CHI TI VUOL BENE AL MONDO C'è, ANCHE SE NON PUò RIDARTI MERCUZIO... IO SONO FRA QUELLI, E LO SAI. SENZA IPOCRISIA. CIAO DAL CUG.
  • Alessandro Barsottini il 10/10/2007 18:10
    Grazie per i commenti
  • Anonimo il 29/09/2007 09:42
    La poesia sono momenti che sputiamo di getto, proprio per cogliere la sofferenza, riportarla in un foglio che attende di essereriempito dei nostri vissuti. Spero che oggi sia differente e che riesca a cogliere anche la meraviglia della vita. Comunque bravo. Ciao Alessandro.
  • laura cuppone il 29/09/2007 02:24
    la tua arrendevolezza allo sconforto.. il tuo attimo... costante... senza speranza...
    visto il titolo...
    spero le cose siano cambiate...
    non è bello, nè giusto, mai, per nessuno sentirsi così irrimediabilmente perduti!
    ciao L

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0