accedi   |   crea nuovo account

Ho per casa l'automobile

Dimorate con me, voi almeno
carezze ondeggianti di astri sfuggenti,
in quell'abitacolo che per alloggio possiedo.
Altro non mi resta,
che scartare caramelle di soave fantasia,
forse damigella di respiri speranzosi,
o fors'algido
indiavolato cecchino
d'un futuro che tal chiamar non oso.
Si accomodano i sogni,
tra le tacche indifferenti del contachilometri,
rovente si scorge il sedile
materasso di percepiti fallimenti,
un'altra preghiera, l'ennesima,
perimetri dolcemente accoglienti cesella
d'un salotto, una cucina, un televisore,
una stanza baciata da un letto vero.
No, più non si lavora,
più non si dimora,
è perimetro di lacrime vestite di perle,
questo scendere dalla portiera
a ogni sbuffante rintocco di campane del mattino,
l'onirica seduzione di potersi lavare,
un pasto caldo alla mensa con Francesco,
il rinfrescarsi tremebondo alle parole d'un frate,
di autentica, effervescente carità ricolme.
Occhieggio al comune traditore,
graduatorie ferme, come stalagmiti
ricamate da velenosa, indifferente burocrazia,
d'inerzia e imperizia madida.
Occupare? No, il verbo kantiano ho cucito
sul tessuto finissimo
di quanto del mio cuore sopravvive
"il cielo stellato sopra di me
e la legge morale in me";
quanto è estenuante e umiliante questa contesa,
tra quel respiro che profuma di anelito alla casa,
e quello che scandendo andrà
la chiusura del mio sipario esistenziale;
risposte non ho che sappiano vestirsi
da autentiche risposte
ma solo per albergo del mio disagio
un ammasso di lamiere ancor composte.

 

2
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 22/11/2014 23:50
    Bellissima Cristiano.. mi tocca molto.. ho conosciuto una persona così .. l'ho sollevata e l'ho portata con su un'isola della polinesia francese..è ancora là .. e ha avuto due figli con una Vahine..

    ...

    ..."il cielo stellato sopra di me
    e la legge morale in me";... potrei anche capovolgerla questa splendida frase di Kant.. il cielo stellato dentro.. e la morale sopra.. anche se potrebbe risultare.. la morale avendo un cielo dentro ... un vestito un po' stretto..

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0