accedi   |   crea nuovo account

Quandu s'indichiàna a Luna (quando s'alza la Luna)

ciù dìssi
a Luna ca s'indichiàna supr'e munti
e ddùma l'occhi chi s'àprunu cu scùru
stanotti, mindivàiu ammenz'è Lupi
vi làssu sòrdi, i scarpi risolàti du Zì 'Ntoni, a barrìtta
i paroli sciàpichi, chi tàgghiunu com'u'n rasosiu
mi vestu i frìddu iàncu
chi sìcca carròli e sentèri
ca peccamòra muti
s'indicàlunu pe Barrittèri
cu ventu chi si strascìna na cuvèrta i nìvi
pe casi cu fumaròlu dumatu, campi e d'assùtta dormunu
fin'a prossima primavera...

gliel'ho detto
alla Luna che s'arrampica sopra i monti
e accende gli occhi che s'aprono con l'oscurità
stanotte, me ne vado in mezzo ai lupi
vi lascio soldi, le scarpe risuolate dallo Zio Antonio, la berretta
le parole insipide, che tagliano come un rasoio
mi vesto di freddo bianco
che asciuga, ruscelli e sentieri
ammutoliti
se ne scendono per Barritteri
col vento che trascina una coperta di neve
per le case col camino fumante, i campi e li sotto dormiranno
fino alla prossima primavera...

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0