accedi   |   crea nuovo account

Petra

Là lassai lo cor meo dolente,
Petra, che facesti de me scherno,
sì da lassamme quasi morente
e la mea alma bruziar eterno.
Uora pe' voluntade de lo Supremo Ente,
che de qua me trovo de novo in perno,
tu bugiadra, me dechiar lo tu' amor possente,
ma I nun te permetto più lo scherno.

 

2
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 25/11/2014 06:02
    bruziar d'eterno.. Petra.. nun te permetto più lo scherno.. Bravo Don.. una lingua magica la tua.. antica come il vento..
  • Rocco Michele LETTINI il 24/11/2014 14:04
    Un verso di chiusa indispensabile per essere capiti... Eccezionale come sempre...

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0