accedi   |   crea nuovo account

L'ora della rassegnazione

Finché viviamo senza aver pensieri,
poiché siamo in età di giovinezza,
non pensiam mai che i guai son veritieri
né abbiamo alcun sentore d'amarezza.

Man mano che la vita volge a sera
ognun di noi avverte d'esser niente,
ma vuol godersi ancor la vita intera
finché il dolor per lui è inesistente.

Quando noi tutti siamo sofferenti,
chi per un male o chi per altro ancora,
non c'è più modo d'essere contenti,
perché il dolore ci aggredisce ognora.

Allor ci viene voglia di gridare
contro chi ci ha sottratto ogni piacere
e la speranza che viene a mancare
può indurci anche persino a soggiacere.

Ma tutto questo è cosa da evitare
essendo un atto molto disumano;
tutti dobbiam sapere sopportare
per dire che non siam vissuti invano.

Allor che l'alma converrà al patire
ed il pensiero non avrà obiezione,
è l'ora, quella in cui potremo dire
d'aver raggiunto la rassegnazione.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Giuseppe Vita il 25/11/2014 07:29
    È una poesia valida non tanto per i giovani quanto per chi ha già un'età matura, poiché tratta di esperienze di vita vissuta. Attraverso l'accettazione di quanto gli manda la Sorte, l'uomo dovrà sopportare ogni avversità e rassegnarsi, al fine di sentirsi degno di se stesso.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0