PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Cimiteri

Fruscian le fronde
degli alti pioppi.
Stridon le lapidi
alle ventate.
Ogni fiammella
s'agita lenta,
ma non si spegne.

È la lor voce
che va gridando.
È l'altra vita
che parla a questa.
È l'alma loro
che a tutti dice:
"Qui sol c'è pace!".

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Ellebi il 25/11/2014 00:16
    Straordinaria questa composizione che ci dice che la pace è un affare dell'aldilà, nel regno dei morti risiede, non certo in questo mondo, anche se è doveroso perseguirla fin da questa vita.. Complimenti e saluti.
  • Giuseppe Vita il 24/11/2014 22:51
    Ho scritto e vissuto personalmente questa poesia tanti anni fa in un cimitero di notte. Il tema che questa poesia tratta è la pace, non soltanto quella eterna che risiede nei cimiteri e nell'Aldilà, ma anche la pace che noi abbiamo sempre voluto e vogliamo tuttora: la pace tra i popoli. Un cordiale saluto a tutti i lettori!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0