accedi   |   crea nuovo account

Non era colpa mia

Avevo terrore persino della mia ombra,
mi faceva paura anche lo scricchiolare di una porta;
mi ripetevo che era colpa mia...
Avevo timore di guardarmi allo specchio,
poichè lividi e cicatrici mi provocavano lacrime;
mi ripetevo che era colpa mia...
E sentivo ancora i polsi stretti e legati al letto,
come avessi ancora quelle corde che mi rendevano schiava;
mi ripetevo che era colpa mia...
Soffocavo tutte le mie urla d'aiuto sotto il cuscino,
ogni notte, per non svegliarlo, per non subire altre molestie;
mi ripetevo che era colpa mia...
Mi è sempre mancato il coraggio per reagire, per fuggire,
forse troppo tardi mi sono accorta del dolore che provavo;
mi ripetevo che era colpa mia...
L'angoscia mi riempiva l'animo dal color grigiastro ormai,
i pianti battevano come tamburi in testa;
mi ripetevo che era colpa mia...
Forse ho capito troppo tardi,
forse troppo tardi ho scelto di reagire;
non era colpa mia, ma sono stata troppe volte in silenzio.

 

l'autore Gianni Spadavecchia ha riportato queste note sull'opera

Giornata Mondiale contro la violenza sulle Donne, 25 Novembre.
Mi sono immedesimato in una donna che ha subito violenze fisiche e psicologiche.


3
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 04/12/2014 10:44
    Molto ma veramente molto apprezzata sia nella forma che nello stile. Bravissimo!

3 commenti:

  • Gianni Spadavecchia il 26/11/2014 13:30
    Grazie a entrambe, ci ho riflettuto prima di scriverla perchè non è affatto facile.
    Sono contento di esserci riuscito al meglio!
  • Chira il 26/11/2014 07:46
    Da ieri ne ho letti di versi in proposito ma questi tuoi sono speciali: hai saputo immedesimarti benissimo in una donna "maltrattata" e ciò che più hai sottolineato è quel "è colpa mia" reiterato che spessissimo la vittima sente, tanto è disorientata da quello che riceve e di cui non afferra ragione. Mai più SILENZIO, solo così forse ci si salverà. Bellissima, Gianni!
    Chiara
  • karen tognini il 26/11/2014 07:39
    Stupenda Gianni... bravo hai colto l'anima ferita di chi subisce ma non reagisce...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0