username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Ode al calycantus

Devastante il primo gelo
a disseccare le ultime foglie
degli alberi
che resi spogli
par accarezzino
con scarne dita
il plumbeo cielo.

Ma dal giardino
un aroma acuto si diffonde,
un profumo che inebria
pur sapendo di neve e d'aria
pura
e speranza effonde
al cuore come in primavera.

È il calicanto
che osando sfidare
le regole del gioco
le corolle ceree ha già dischiuso
effondendo soave olezzo.

Oh dolce calicanto!
Tu non sbocci
alla lusinga del dio sole
ma vuole il tuo ribelle cuore
nell'ombra della notte, fedele amica
soltanto il freddo raggio
della luna!

 

1
2 commenti     5 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • ignazio de michele il 02/12/2014 10:33
    Ode, questa, che la dice lunga sulla capacità estensoria ed espressiva di questa Autrice che, assegna una anima al calycantus quasi possedesse l'eloquio umano. ergo: complimenti!
  • Anonimo il 27/11/2014 21:01
    Molto profonda bellissima!!!!
  • Carmine Impagnatiello il 27/11/2014 09:19
    Un'ode di grande pregio per costrutto ed uso del lessico. Piaciuta assai.
  • Don Pompeo Mongiello il 26/11/2014 17:41
    Io al tuo posto starei ormai zitta!
  • Rocco Michele LETTINI il 26/11/2014 17:14
    Una preziosa dedica per chi assapora la beltà della natura quotidianamente... Versi da intenditrice... BUONA SERATA LORY

2 commenti:

  • Chira il 26/11/2014 17:25
    La natura che si colora e profuma anche d'inverno, per occhi attenti che trasformano in poesia.
    Chiara
  • karen tognini il 26/11/2014 11:43
    profumata... bellissima... brava Loretta...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0