username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Vivere col cuore in mano

Hanno aperto una nuova rubrica
solo cuori solitari e affranti,
nessuna disgrazia di altra grazia.
Si stanno raccogliendo
versi, quadri, spartiti
per poi dispensarli diluiti
lungo il tempo della veglia.

Ci si avventano famelici
una lacrima o una statuetta
tutti intorno al più bel fico del bigoncio,
quello che si lacera le vesti,
convinto che siano i migliori versi.

Ma non c'è verso migliore
di quello del lasciarsi andare
all'unica amara costatazione
che, nel condominio umano,
per vivere contenti,
non bisogna stare
col cuore in mano!

 

1
2 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • cristiano comelli il 26/11/2014 15:32
    Una buona poesia, la conclusione che hai scelto di dare mi suggerisce un significato ambivalente. Tu affermi: "nel condominio umano per vivere contenti non bisogna stare con il cuore in mano". Ora, se per stare con il cuore in mano si intende come uno starsene con le mani in mano, ovvero un lasciarlo inespresso non facendo uscire nulla dal grembo delle potenzialità di amore che ha, è senz'altro una sensazione negativa. Se invece si intende l'avere il coeur in man, come si dice nella mia amata Milano, per donarsi ogni momento secondo quanto si può e si possiede, allora devo concludere che avere il cuore in mano non è mai tempo perso. ANzi, guarda, meno gente si incontra con il cuore in mano e più ci si deve incoraggiare ad averlo. Amare è una sfida, e tanto più impegnativa si presenta tanto più questo amore sa essere grande e davvero profittevole (ovviamente non in senso economico) per chi lo da e chi lo riceve. COmunque una poesia che suscita riflessioni e della quale ti ringrazio.
  • Rocco Michele LETTINI il 26/11/2014 15:20
    Nel condominio umano non basta essere sincero... Una constatazione vera... chiara... Da considerare Silvia...
  • frivolous b. il 26/11/2014 14:30
    perchè no? È una poesia di difficile comprensione, non si capisce bene dove vuoi andare a parare... quello che emerge ben chiaro, però secondo me è che vuoi andare a colpire da qualche parte!

2 commenti:

  • AlfaCentauri il 03/12/2014 12:28
    bel testo e bel commento, silvia cara...
    Sono dalla tua e nn posso che darti ragione; è così!
  • silvia leuzzi il 26/11/2014 21:25
    Intanto un grazie a Cristiano, Rocco e Francesco per gli interessanti commenti a cui darò una risposta generale. Questa poesia è una riflessione amara su quanta apparente sentimentalismo c'è in giro e ancor di più sulla rete, dove si proclama l'amore al pari di un cioccolatino o una caramella appiccicosa. Si corre dietro a stereotipi e possibilmente ci si gira davanti al dolore. Essere sinceri, cioè vivere col cuore in mano, caro Cristiano, è sì lodevole, non so far altro ahimè! ma è causa sovente di dolore, perché le maschere di bronzo contro cui si sbatte sono dure e fanno male. Francy non volevo colpire nessuno, era una costatazione generale e i riferimenti sono allegorici. Oltretutto non intendo farmi altri nemici su questo sito. Un abbraccione e grazie ancora per esservi soffermati su questi versi. Silvia

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0