PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

U miezzugiorno in Paravisu

Un do re mi
a lu pianuforte
strimpellanu,
e na voce 'ggoppa a tutte
s'iza prima chianu, chianu,
poi 'cchiu forte, forte,
sinu a u cielu arriva,
e lu stessu Pietro
estasiato invita
u napulitanu, l'avellinese e lu rumanu
a trasì dintu a casa e o Signore
pe' cantà 'ste canzoni,
che songu oro fuso
pe ' li orecchi
anco più fini,
e quel do re mi,
su mo' melodie
angeliche.

 

0
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 01/12/2014 19:08
    Che atmosfera Don... Sublime come sempre...

1 commenti:

  • Don Pompeo Mongiello il 01/12/2014 19:47
    A ricordo, u napulitano, tanto pe' fanne uno: Mario Merola; l'avellinese: Aurelio Fierro, u rumanu: Claudio Villa. Non preoccupatevi per loroo, hanno formato insieme il più bel concertino angelico e rallegrano anche i morti nostri.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0