accedi   |   crea nuovo account

Punto che và

Cuore,
cuore inafferrabile,
sei una certezza,
ma forse un'illusione,
occhi marroni,
capelli mori,
sei tu,
ragazza irraggiungibile,
punto di arrivo che si allontana,
ti allontani sempre più,
punto di arrivo,
che nello stesso tempo si avvicina,
forse si avvicina,
ti avvicini sempre più,
forse ti avvicini sempre più,
ti raggiungerò,
forse presto,
forse tardi,
io e te,
saremo la stessa cosa.

 

1
1 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Alessandro il 04/12/2014 15:54
    Dopo una descrizione idealizzata, ecco che giunge la ripetizione quasi ossessiva dei "forse", l'incertezza di un inseguimento forsennato.
  • Don Pompeo Mongiello il 02/12/2014 14:02
    La poesia di per sé ha un suo fascino, che merita una scia, un'onda che va, ma che meglio sia, se ignora li venti e i contro-venti.
  • Anonimo il 02/12/2014 10:47
    Mi piace l'idea di questa attesa unione, c'è un sentimento puro. Però, però, caro Luca non si scrive "va'" a meno che sia un imperativo presente...
  • Rocco Michele LETTINI il 02/12/2014 10:21
    Tu... Lei... in un assemblare di dolcezze... È la forza dell'amare a volerlo... Unico... sentimentalmente Luca. Felice giornata.

1 commenti:

  • sılɐɹʇsnɐ snɐʞ il 02/12/2014 12:52
    @ luca

    occhio luca
    hai a che fare con Adalgiso il prof... che non si sa quanti cloni, qui in pr... E ALTROVE, ABBIA!

    - per questo mi leggi abbastanza "forte" -

    PASSA DA TE SOLO PER RUFFIANERIA.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0