accedi   |   crea nuovo account

Storia vecchia

Chesta è na storia vecchissima,
ca dintu o core
resta e nun se lagna,
ma a ferita sento ancora,
te 'cchiammu ancora cunparu,
mentre m'ammusciauvu
su l'agghiacciande asfalto,
e tu, uno due tre,
nun li contavi manco 'cchiù,
sicuru poi d'avermi freddato,
te ne ivi fischiettando,
ma i so ca,
palpito ancora
e nun sentu mancu rancoru.

 

0
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 02/12/2014 16:04
    sempre insegnamenti di vita bravo AUGURI don
  • Rocco Michele LETTINI il 02/12/2014 15:23
    VIcende d'ogni giorno che sconcertano. Dall'amico... il falso amico... Sublime costrutto

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0