accedi   |   crea nuovo account

Pe' te, Mamma

I no spero de 'torno far mai,
fra li colli bassi e alti, in Roma,
va' tu e mamma doma,
che nun penza più a mia,
dille pure 'na frenesia
che sono già in coma.

 

1
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 04/12/2014 16:40
    HAI ONORATO LA CITTA' ETERNA, UN DI' LONTANO... "MADRE DER MONNO", PER FAR RIFLETTERE SU CIO' CHE DI NEGATIVO OGGI RIVERSA... ELOQUENTE COME SEMPRE DON...
  • Alessandro il 04/12/2014 15:43
    Chiusa ironicamente feroce che evidenzia i segni di un rapporto tormentato. Partenza da Roma-madre fisica e simbolica. Sarà mai possibile una riconciliazione?

1 commenti:

  • Don Pompeo Mongiello il 04/12/2014 18:06
    Qui bisogna dire che Roma non c'entra niente, ma proprio la madre, che ha partorito l'autore per una scommessa del marito con gli amici. Quindi sono nato per scommessa non per amore. E nonostante i miei 60 anni che son vicini, non riesco a capire e soffro.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0