username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La vite

Caduti i pampini alla vite
su quei rametti ormai tisici
dove un tempo si coglieva
il dolce frutto a piene mani,
nessun insetto osò posarsi,
nessun raggio obliquo di sole
osò fermarsi. Fredda e desolata
quella piantina, a cui allora
i vendemmiatori accorrevano
felici coi loro cesti immacolati,
in un silenzio sempre nudo
agli spifferi del vento tremava
appena, come ogni piccolo uomo
che, disperando, spera ancora.

 

3
1 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • frivolous b. il 06/12/2014 13:26
    la viet come metafora di vita... non male!
  • Rocco Michele LETTINI il 05/12/2014 05:59
    Una vite... nel passato fruttuosa e prelibata... nel presente speranzosa e malmessa... Versi intensi Antonino. Felice giornata.
  • Alessandro il 04/12/2014 18:43
    Una carestia tombale, la vita scomparsa dove un tempo fioriva. Rimane solo la speranza disperata dei presenti. Ottima

1 commenti:

  • Gianni Spadavecchia il 04/12/2014 21:41
    Nonostante disperi, spera, ancora. Sempre.
    Chiusa dal retrogusto amaro ma vera.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0