PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ce ne vuol? (Aforisma celebre e haiku)

Tantae molis erat Romanam condere gentem.
Impresa tanto grave era il creare la nazione Romana.
(Virgilio - Eneide)

<=>

C'è ne' due Rami
la voglia onesta
d'offrir n'appàgo viver?

 

2
4 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 07/12/2014 12:12
    Che la Citarei impari a scrivere, e s'impicciasse de l'affari de casa sua e lassa noi romani gestire l'urbe. In quanto a te tocchi a volte temi scottanti de allora come lo sono a tutt'oggi.
  • loretta margherita citarei il 05/12/2014 15:37
    jè venuta male a nazzione.. visto i recenti scandali nell'URBE, bravo rocco
  • Vincenzo Capitanucci il 05/12/2014 08:20
    due Rami.. due Remi.. due Romuli.. e non fu il miglior ramo.. né il miglio remo a spingere la galera sul mare nostrum..

4 commenti:

  • Dora Forino il 05/12/2014 10:48
    Tantae molis erat Romanam condere gentem.
    Era così difficile fondare il popolo romano.
    Virgilio (Eneide, I, 33)
    Verso che riassume tutti gli ostacoli, le difficoltà incontrate nello sviluppo della città "caput orbis" e del popolo che doveva dettar leggi al mondo intero. Ricorre spontaneo quando ci si trova innanzi a problemi che sembrano insormontabili.
    Bravissimo in questo tuo
    haiku.
  • Anonimo il 05/12/2014 10:05
    Quanto è attuale il vecchio buon Virgilio ab urbe condita!
  • Chira il 05/12/2014 08:03
    ... fiume di sangue e Roma-Amor nacque... Il Potere non ha mai candore, purtroppo. Un caro saluto Rocco Michele!
    Chiara
  • Anonimo il 05/12/2014 08:02
    ormai sei un maestro in quest'arte di aforismi ed haiku un bacione bravo ed auguri infiniti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0