username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Ave maria

Carezza fertile di amore,
primigenio e a luce d'eterno avvinto,
grembo di purezza a disegnarsi atto,
in mille intarsi di dono,
aleggiare discreto di preghiera,
ch'all'alba regala una mano,
e con l'altra benedizione si rivela,
nel tiepido mantello della sera.
Questo vorrei esserti,
uomo tremebondo
che profuma di miracol cesellato,
per ogni frusciare inquieto di tempo,
di cui sei padre e figlio.
Quante candele disseminarti saprà per via,
il baciarti degli occhi
della vergine Maria,
in grotte che, spose al Dio del silenzio,
risorger ti faranno
persona rinnovata
e sorgente di fresca carità.
Sul treno di zucchero dell'esistere,
salirò con te ieri come sempre
di grazia e beatitudine piena,
perchè la tua vita dirsi possa
armonia vellutata di giorni
compiuta e serena.
Mai non temer che le tue labbra
custodendo il tuo cuore per via,
pronunciare sappiano,
d'ogni poesia la più fulgida poesia,
Ave Maria.

 

1
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 07/12/2014 11:15
    L'Ave Maria: la poesia dell'animo divino. Un perlame in versi. Il mio encomio e la mia seren Domenica.
  • Vincenzo Capitanucci il 07/12/2014 08:46
    Non ho mai capito perché la Madre divina non faccia parte della Trinità .. ha un posto immenso nel mio cuore.. trasformandola in una Qua-eternità .. lo sanno anche i bambini.. che per nascere i Figli hanno bisogno di una Madre... Celeste.. ed il segno della Croce scendendo più in basso si trasforma in un segno di Vita

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0