PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Lu Natali ti li puviriddi

Shtamu a ticembri e fra picca è Natali,
la feshta ca 'spittamu tuttu l'annu,
siccomu tutti li crishtiani sannu
ca, quannu 'rriva, ni passa ogni mali.

Ti sera tanta luci a 'ntermittenza;
shtrati e balcuni tutti 'lluminati;
ci va, ci veni, ci faci spisati
pi onorari shta santa ricurrenza.

E quasi tutti 'ccàttunu ricali
pi lli parienti e ppuru pi l'amici
e fannu feshta ca, comu si tici:
"'Na vota all'annu veni lu Natali!".

So' giurni ca si senti 'ntra lu cori
lu sensu t'amicizzia e fratillanza,
cá tutti hamà tiniri la crïanza
cu ddamu all'atri tantu bbeni e amori.

E shtannu puru cuiddi puvirieddi
ca fannu lu Natali cu cuscienza
e vvollu, cchiù ti tuttu, la prisenza
ti lu Bamminu cu li picureddi.

Si 'rranciunu cu ccosi ca già tennu
'rruccati pi shta vecchia tradizzioni:
pashtori, picureddi e 'llum'nazzioni.
Si 'ngegnunu, ca perdunu lu suennu

cu ffannu lu prisebbiu pi Natali.
Li pèttili la sera t'la visciglia
e nient'atru lu cori nci cunsiglia;
pi lloru puru l'addasciunu vali.

Sobbra la crotta shta 'na shtella cranni
e l'àncili vulannu com'aucieddi.
Prisebbiu ca si faci tutti l'anni.
È lu Natali ti li puvirieddi!

Traduzione dal vernacolo sanvitese:

Il Natale dei poverelli

Stiamo a dicembre e fra poco è Natale,
la festa che aspettiamo tutto l'anno,
siccome tutte le persone sanno
che, quando arriva, ci passa ogni male.

Di sera tante luci a intermittenza;

12

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Giuseppe Vita il 16/12/2014 18:22
    Il Natale dei poveri è il Natale più umile e pregno di devozione, così come vuole il Bambino Gesù.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0