username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Siamo all'inizio della storia

C'è orrore nell'aria,
lo si annusa nelle particelle di pioggia,
è un canto stridulo
racchiuso in un bozzolo di paura.

Lo tiene come reliquia
il giovane che attraversa la strada,
ha la sagoma d'uomo
e il terrore di un bambino.

Non siamo più ancelle,
vestali del sacro simulacro.
Vestiamo panni nostri
comprati per caso.

È colpevole il nostro sesso,
è da profanare il nostro corpo,
o da coprirlo tutto, come vergogna.
Unica colpa: le morbide forme.

Siamo vittime e carnefici.
Siamo l'inizio delle storia
per ogni umano che cammina.

Siamo il primo nutrimento
e per questo, spesso,
paghiamo inutile tormento.

 

1
2 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • cristiano comelli il 08/12/2014 17:08
    Direi che siamo storia nella storia, è bello che ogni giorno sia un inizio di vita e una fine di vita, ma una fine che invita a ricominciare perchè esiste un insopprimibile bisogno di sperimentarsi, di conoscersi, di amarsi per essere davvero mondo per il mondo. Cordialità e complimenti.
  • Anonimo il 08/12/2014 15:55
    Siamo vittime e carnefici per il gusto di scambiarci i ruoli e di lasciare usare i nostri corpi alla mercè di altri. Siamo nutrimento delle nostre paure e della nostra indifferenza.
    Tu sai scrivere e descrivere bene questa storia.
    Ciao.
  • Rocco Michele LETTINI il 08/12/2014 11:07
    IL TRASPARIRE DEL "PROPRIO NON VA"... ACUTO VERSEGGIO DAL TUO SPINATO CUORE...
  • Vincenzo Capitanucci il 08/12/2014 08:08
    Siamo l'Inizio e la Fine della Storia.. ci violentò una Forza-Coscienza.. Bellissima Silvia... vestiamo panni comprati per caso.. ed attraversiamo la strada che ci separa dall'Uomo.. con gli occhi di un bambino terrorizzato..

2 commenti:

  • silvia leuzzi il 08/12/2014 21:56
    Amici ho molto piacere che ad apprezzare questi versi siano stati gli uomini. Siamo una mela divisa che vortica impazzita alla ricerca di quell'unità d'un tempo. Vorrei che ci fosse rispetto, così come i vostri commenti esprimono, nella mente di tutti gli uomini e di tutte le donne, perché il rispetto non ha sesso e non ha colore è un dono che ci facciamo l'un l'altro. Grazie grazie davvero vi abbraccio forte
  • AlfaCentauri il 08/12/2014 08:59
    ...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0