username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Ciao Mango

Ciao, musica,
estasi di melodie sinuose,
arabica amoreggiante,
di celesti e complici spazi,
che intonsi s'offrono a voci,
che la natura addestrò
a inventarsi sorrisi.
Scorrono ondeggi di note inesplorate,
su questa salsedine di "Mediterraneo",
sì, la melodia, lo so,
"Lei verrà"
mai mi ha tradito nè mi tradirà,
ancestrale "Rondine"
per cui il cuore a incomprimibile volo
ebbe a scoprirsi e bearsi.
Soave è questo sole che troneggia
sulle note che sempre
d'emozioni intangibili fuor avide,
catturate al dolcissimo carcere
del mio pianoforte.
Suono hai di "Bella d'estate"
pronta a flettersi e baciare,
"La rosa dell'inverno".
No, Filippo, non gemere
tuo padre è ora pelle lunare
di angelo che suona,
tra concerti di angeli che ti proteggeranno,
morte,
traditrice e incalcolata sei,
matrona che pugnala il futuro,
ma ogni disco andrà al mondo urlando,
che sempre esisterà,
l'impronta d'"Oro" di Mango.

 

2
6 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Antonino R. Giuffrè il 08/12/2014 19:11
    ... un giusto tributo per un poeta, di quelli veri intendo.
    Piaciuta la tua vena prosastica in poesia.
    Un caro saluto.
  • Rocco Michele LETTINI il 08/12/2014 14:50
    Un doveroso omaggio all'Ugola d'oro della mia Lucania. Con Lui scompare un mito... Versi apprezzati.

6 commenti:

  • Elio Goglia il 08/12/2014 22:10
    Mango, un signore, mai appariscente, sempre un passo dietro agli altri quasi per non voler disturbare, educato, capace di musicalità fonte di ispirazioni poetiche... un grande. Ciao Mango.
  • Domiziana Gigliotti il 08/12/2014 18:02
    Sulla melodia delle note d'"Oro" e per le emozioni profonde che ha saputo trasmettere, Mango resterà sempre vivo in tutti noi. Apprezzato come cantante e come persona. Una bella dedica.
  • cristiano comelli il 08/12/2014 17:12
    I commenti mi fanno sgorgare sempre ulteriori ricordi. Uno di essi è legato al brano "Lei verrà" che impose il nostro caro Mango all'attenzione del grande pubblico. Quel brano l'ho inserito stabilmente quando provavo a fare piano bar nei villaggi perchè lo ritenevo e ritengo di una purezza, di una cristallinità rare a trovarsi in questo mondo. Anche se, lo confesso, la perla del caro Mango che preferisco rimarrà "La rosa dell'inverno". Deliziosa e carezzevole, nella melodia e nel testo. Ascoltatela, se potete, a occhi chiusi, consiglio fraterno. Sarà un modo per dedicare a Mango una preghiera.
  • loretta margherita citarei il 08/12/2014 17:00
    doveroso omaggio, sempre bravo
  • cristiano comelli il 08/12/2014 15:38
    Mentre ringrazio per i commenti volevo evidenziare come, cosa che non sapevo, Mango fosse anche appassionato di filosofia religiosa e da testi e musiche delle sue canzoni (soprattutto dalle musiche che portano la sua impronta mentre i testi furono firmati da altri autori) si evince pienamente. "Mango canta l'amore cercando radici lontane" scrisse un tempo un giornalista. Penso di poter condividere. E questo amore musicato e cantato cercando radici lontane ci mancherà parecchio, anche se Mango continuerà a vivere ovviamente e per fortuna nelle sue incisioni.
  • Ellebi il 08/12/2014 13:09
    Mi piaceva molto Mango, musicista e cantante di talento, condivido la tua rievocazione. Un saluto

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0