accedi   |   crea nuovo account

Sunettu allu Bamminu

"Hannu passatu cchiù ti tomil'anni
ti quannu Tu nascishti 'ntra 'na crotta.
Tu, Re t'lu Cielu, shtavi senza panni
intra 'na manciatora malritotta!

Lu munnu Ti 'spittava cranni cranni
e no' ca ier'a nasciri ddà ssotta;
la Mamma Tova cu duluri e affanni
intra a cuera capanna menza rotta!

Ccussì ha' vulutu, cu ni fa' capiri
ca è l'umiltà ca vali 'ntra la vita
e no' ricchezzi e pompi pi putiri

'rrivari a Te cu l'ànama pulita.
Bamminu, ni puè a tutti binitiri;
la mis'ricordia Tova èti 'nfinita!".

Traduzione dal vernacolo sanvitese:

Sonetto al Bambino(Gesù)

"Sono passati più di duemil'anni
da quando Tu nascesti in una grotta.
Tu, Re del Cielo, stavi senza panni
in una mangiatoia malridotta!

Il mondo Ti aspettava grande grande
e non che saresti nato lì sotto;
la Mamma Tua con dolori e affanni
dentro quella capanna mezza rotta!

Così hai voluto, per farci capire
ch'è l'umiltà che vale nella vita
e non ricchezze e pompe per potere

arrivare a Te con l'anima pulita.
Bambino, ci puoi tutti benedire;
la misericordia Tua è infinita!".

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Giuseppe Vita il 18/12/2014 14:53
    Questo sonetto in vernacolo sanvitese vuol far intendere il vero valore del Natale. Non festa di pompe e ricchezze, ma festa d'umiltà e di rinascita. Soltanto l'umiltà porta alle porte del Paradiso: Chi si abbassa sarà innalzato!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0