PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Al vate... sol scherno (Aforisma celebre e haiku)

Odi profanum vulgus, et arceo
Odio il volgo profano, e lo tengo lontano
(Orazio - Odi)

<=>

Aborro il tuo ribrezzo
mondan, che mostri
ch'amor... io spingo.

 

0
1 commenti     6 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

6 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • cristiano comelli il 19/12/2014 22:54
    Apprezzo, come di consueto, questa resa in italiano del latinorum che non è soltanto letteraria ma anche di un mondo che, per fortuna, continua a vivere e lasciare tracce di se; credo avesse ragione il compianto Cesare Marchi quando scrisse "Siamo tutti latinisti", libro che forse lei conosce e nel quale Marchi cerca di spiegare il senso di alcune tra le pi
    celebri massime latine. Venendo al merito dell'haiku, tenere lontano il volgo è proprio o dei presuntuosi o di coloro che ritengono che il popolo non possa dovutamente apprezzare, nella sua maggioranza, certi contenuti di pensiero o di azione. Ma i re senza popoli esisterebbero mai? E gli scrittori senza i loro lettori? No. Quindi a che servirebbe tenere il volgo a distanza?
  • loretta margherita citarei il 19/12/2014 20:03
    si devono isolare secondo me coloro che recano danno alla nostra anima, bravo rocco
  • Nicola Lo Conte il 19/12/2014 18:31
    Gli esseri umani non si possono distinguere per ceto sociale né per aspetto fisico o colore della pelle, tuttavia sentono e interpretano la vita in relazione al livello evolutivo della loro anima
  • Anonimo il 19/12/2014 17:31
    Nel nostro tempo certe barriere non hanno importanza. Forse, è la diversa educazione che spinge a fare distinzioni di tal sorta. Orazio temeva il volgo come oggi si evitano le persone volgari.
  • Don Pompeo Mongiello il 19/12/2014 12:14
    Eppure grazie a loro che abbiam il pane quotidiano, profano o non profano portano i calli a le mani per dar da mangiar alla plebaglia, che siam noi. Da la sua bella villa Orazio era un gran pirla.
  • Vincenzo Capitanucci il 19/12/2014 09:15
    Come se mettessi tra me e loro.. uno schermo di sole... ma questo tuo ribrezzo.. Mallarmè (qualcosa mi ha fatto pensare a Lui e al suo ermetismo..) .. per il volgo profano... io aborro .. e d'Amor.. verso l'oro.. io spingo..
    ...
    L'ho trovato Sublime Michele..

1 commenti:

  • Anonimo il 19/12/2014 21:03
    Molto, molto originale. Bravo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0