accedi   |   crea nuovo account

Faccio cose di cui spesso mi pento!

Nota dell'autore: È la voce del cuore che guida l'istinto!!

Faccio cose di cui spesso mi pento,
perché agisco ascoltando l'istinto!
Poi a volte mi basta un lamento,
ed avverto un rimorso distinto!
Perché la vita vissuta al momento,
è un'alba che io stesso ho dipinto,
con il dolore spazzato dal vento,
e il sorriso da cui sono sospinto.
Non occorre di certo un talento,
perché il dolore, al suo lato succinto,
nasconde sempre un felice momento,
in cui l'affetto da cui sono accinto,
cancella il più oscuro lamento,
e non riesco mai a darmi per vinto!!
Faccio cose di cui spesso mi pento,
perché agisco ascoltando l'istinto!
E ritengo che in ogni momento,
il colore del cuore và contraddistinto.
Marco Vincenti

 

0
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • cristiano comelli il 27/12/2014 17:25
    Beh, caro Marco, distinguerei tra pentimento e pentimento, ovvero tra gli oggetti del pentimento. In generale io credo occorra avere massimo rispetto per la propria biografia e che ogni azione da noi compiuta, nel bene e nel male, insegni. Certo, ci sono azioni estreme che generano fortissimo pentimento, ma le ridurrei proprio a pochissime. Anche perchè, se a ogni azione della nostra quotidianità poi mettiamo successivamente l'etichetta di pentimento, è come pentirsi di essere vissuti. E non credo sia bella, questa sensazione, non le pare? Auguri di buone feste.
  • giuliano paolini il 27/12/2014 09:58
    Pentimento è un disturbo che ci impedisce di vivete, zavorra che costruiamo per la paura di sbagliare
    Vivete significa tentare e tentare ancora fino al punto in cui troviamo le parole della nostra canzone. Ognuno ha una canzone personale che potremo cantare nel momento supremo del commiato per ringraziare la vita di averci concesso il tempo necessario per trovare le giuste armonie.

2 commenti:

  • giuliano paolini il 27/12/2014 09:53
    È la paura di non avere vissuto. Certo si poteva fare in mille altri modi, ma concentrato sul momento, senza speranze e senza futuro non c'è niente di cui pentirsi perché tra un istante arriva un nuovo spazio in cui esprimere un battito di vita. Oltre questo non c'è tanto di più
    Baci e vita
  • Fabio Mancini il 26/12/2014 22:03
    Il titolo mi piace molto. Il testo mi sembra costruito più per cercare assonanze, ma perde in spontaneità e leggerezza. Fabio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0