PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Festa

Vento freddo, passa fischiando dalle porte,
una finestra sbatte, ritmando come un tamburo,
gelo e silenzio tutto in torno.
Un minuscolo Presepe con la culla vuota
in attesa del Bimbo, statue immobili
attendono il miracolo. Lo spirito del Natale
si fa attendere, tutto è pronto,
ma il miracolo non si ripete.
Troppo egoismo, troppa superficialità,
lo scintillio delle strade non Gli imteressa,
i doni, carte e nastri non fanno per Lui.
Mani tese e sporche, cartoni per giaciglio,
un capo chino si vergogna della sua povertà,
eccolo è quì, Lo spirito del Natale è tornato.
I bimbi guardano quella culla vuota
speranzosi per il loro destino.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Fabio Mancini il 26/12/2014 22:24
    Fortunatamente il nostro Dio non agisce come noi. La Sua Misericordia sana i nostri peccati e le nostre ferite. Fabio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0