username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Ricordando Walter Chiari

Che fu mai,
signori miei,
il mio esser attore?
Enigma assordante d'una maledizione,
o scia incontrastabile,
d'una talentuosa vocazione?
Fu forse
teoria scomposta di giorni,
addestrati a sorridersi,
a sorridere;
quel prendere a pugni
il cancerogeno affastellarsi
del selvatico vivere,
come feci per il sussurro d'esistenza,
che mi vide boxeur?
No, fu il teatro,
voce suadente eppur ribelle,
che la mia anima sottrasse,
al manto geloso d'un inverno,
la strada ch'a rivelarmi imprese,
lo sfavillare diluviale,
di mille personaggi in uno soltanto;
giace come ritratto infuocato,
nei miei labirintici anfratti d'anima,
il volto d'ogni donna,
di cui strenna mi feci inesaurisibile
d'amore e seduzione.
Ancor t'odo e scorgo,
fedele e sbarazzino Sarchiapone,
che nelle paludi
stridule e risucchianti del niente,
come me
tutto provasti a essere un po' contemporaneamente.
Amar davvero è forse
imparare a stringer
convivenza un po' bambina un po' assassina,
con i palpiti irregolari,
di quel bandito talora feroce,
che nome ha cuore.
E se pubblico un po' vi ho dilettato,
or che del mio esistere
sol resta il ricordo brulicante,
che dal vostro amarmi trae supremo fiato,
concludo dirvi osando,
decifrando l'autentico senso,
della mia terrena dipartita
"non piangete, è soltanto sonno arretrato".

 

1
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Sabrina C. P. il 28/12/2014 21:14
    Bellissima la stesura e ancor di più il cuore della poesia.
    Ho avuto la fortuna di conoscere personalmente il Sig. Walter Chiari ma a prescindere da questo egotico inciso, lo trovavo bello, capace, fine, gentile, raffinato. Era un uomo fantastico. Bel tributo.

3 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0