PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sunettu all'annu nuevu

T'l'ùrtumu giurnu shtamu a menzanotti
ti l'annu vecchiu ca oramà' s'n'è sciutu
e l'annu nuevu trasi cu lli bbotti
ccussì fuerti ca m'hannu già 'nzurdutu.

"È cchiù mmegghiu ci sontu cchiù ritotti
'shti shcatti pi ci a 'sht'ora è 'ddurmisciutu,
ci no, si pó spicciari a ffa' a cazzotti
o, 'ncora pesciu, intra 'nu chiavutu!

È ccosa ti ogni annu, lu sapimu,
però nci voli 'n'ogna ti cuntegnu
pi putì' tiri cuddu ca nu' simu!

Ognunu, armenu, s'hava ssènti' degnu
t'la vita e tutti nu', cu la vivìmu,
hamà ssapiri mettiri lu 'mpegnu!".

Traduzione dal vernacolo sanvitese:

Sonetto all'anno nuovo

Dell'ultimo giorno stiamo a mezzanotte
dell'anno vecchio che ormai se n'è andato
e l'anno nuovo entra con i botti
così forti che m'hanno già assordato.

"È molto meglio se sono più ridotti
questi scoppi per chi a quest'ora s'è addormentato,
se no, si può finire col fare a cazzotti
o, ancora peggio, dentro una cassa funebre!

È cosa di ogni anno, lo sappiamo,
però ci vuole un po' di contegno
per poter dire quello che noi siamo!

Ognuno, almeno, deve sentirsi degno
della vita e tutti noi, per viverla,
dobbiam sapere mettere l'impegno!".

 

1
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • roberto caterina il 28/12/2014 11:29
    Mi sembra un sonetto vivace che sposa un'idea civile. Piaciuto...

1 commenti:

  • Giuseppe Vita il 28/12/2014 08:37
    Il sonetto, riferendosi a quanto avviene allo scoccare della mezzanotte dell'ultimo giorno dell'anno, vuole essere d'invito per tutti a comportarsi con rispetto e con contegno e ad impegnarsi per l'anno nuovo
    a vivere degnamente.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0