username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Perchta

In una notte tra lo cinque e lo sei
de lo mese uno,
mentre la vorta celeste
se dipingeva de nero nero,
e gli spirti e l'elfi
vagavano liberi
de qua e de là
pe' li boschi fitti,
a far compagnia a chi quivi
pe' natura dimoravan;
splendente ne lo suo candito manto,
e de beltà fine e giuliva
apparia e ordine facea
la Signora de le bestie.

 

l'autore Don Pompeo Mongiello ha riportato queste note sull'opera

Perchta la si potrebbe paragonare alla Befana del nord, con la diversità che è bella, giovane e splendente, ma ugualmente severa, per i fannulloni e i buoni a nulla.


2
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Luca il 04/01/2015 09:22
    Perchta, chi non la vorrebbe una bella ragazza?! Creazione simpatica e divertente, complimenti Don
  • Vincenzo Capitanucci il 04/01/2015 05:46
    bella e bianca splendente come la neve.. molto bella Don..

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0