accedi   |   crea nuovo account

Forse

Tu che vivi di avventura e di sesso,

gelosa della tua libertà,

senza legami, senza schiavitù, senza ipocrisia...

forse sei tu
nel giusto,

che decidi
della tua vita,

che scegli
se, quando e con chi giocare

con lo scorrere
del tempo!

 

l'autore Nicola Lo Conte ha riportato queste note sull'opera

Non intendo parlare di prostituzione, bensì dell'incontro con una ragazza, molti anni fa che mi confesso di aver fatto quella scelta di vita e che mi ispirò questi versi. Io non giudico.


un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 04/01/2015 16:40
    Nella prostituzione io vedo la schiavitù, ed auguro ad ognuna che la pratica la forza di uscirne fuori per essere finalmente libera delle proprie scelte. Tra l'altro l'opera è dolce e delicata come solo la tua penna sa fare.
  • andrea il 04/01/2015 11:28
    neanch'io voglio giudicare, credo che ognuno di noi a qualsiasi sesso appartenga abbia diritto alla piena libertà , perchè noi uomini cataloghiamo facili o addirittura come prostitute questo tipo di ragazze?
    perchè noi dovremmo avere quella libertà che per loro è ancora tabù?
    interessante poesia, saluti
  • cristiano comelli il 04/01/2015 10:30
    Non so se, come ha evidenziato Luca, lei facesse riferimento alle prostitute. So che le donne il gioco del sedurre e dell'illudere lo conoscono molto bene. Ed è questo l'aspetto che mi spaventa dell'universo femminile.
  • Luca il 04/01/2015 09:46
    Forse ho capito male io, ma qui parli del tema della prostituzione, donne odiate dalla Società, ma persone, anch'esse con un'anima e con la libertà ed il diritto di essere libere Congratulazioni
  • Vincenzo Capitanucci il 04/01/2015 05:34
    Forse,,, l'importante è essere senza ipocrisia e c'è una sola parola che evita il baratro del vuoto .. dare.. dare Amore.. poi sotto che forma.. poco importa..

13 commenti:

  • Nicola Lo Conte il 11/01/2015 18:44
    Grazie, caro Gianni, è vero, "forse", tuttavia anche un simile comportamento altro non è che una sfaccettatura delle possibilità che ci offre e propone la vita.
  • Nicola Lo Conte il 11/01/2015 18:38
    Caro Fabio, grazie per il tuo gradito e articolato commento. "L'eccitazione dell'avventura, il senso della libertà senza che ci siano condizionamenti relazionali e psicologici, la separazione del sesso dai sentimenti, rendono l'uomo e la donna attaccabili e vulnerabili" verissimo, tuttavia la persona che mi ha ispirato questi versi in fondo era in cerca dell'amore e, forse, attraversava un periodo della sua vita in cui, il male minore, dal suo punto di vista, era vivere senza aspettative e senza ferire gli altri.
  • Gianni Spadavecchia il 11/01/2015 16:30
    Tu che vivi la vita al momento godendo di soddisfazioni momentanee. Forse hai ragione tu, forse però.
  • Fabio Mancini il 09/01/2015 16:33
    Già: esiste "il mestiere" come fonte di sostentamento protratto nel tempo e poi c'è "la vita" come attività occasionale finalizzata all'ottenimento di qualche beneficio o all'acquisto di generi di lusso. Mi vengono in mente quelle due ragazzine romane che si prostituivano con la vaga promessa di fare qualche apparizione in tv e in cambio di (molto) denaro che loro spendevano in droghe e generi di lusso, specie in gioielli e abiti firmati. Io non faccio distinzione tra le due condizioni: in entrambi i casi si tratta di prostituzione. Si fa presto a dire: amore! Ma io dico che c'è amore e Amore. L'eccitazione dell'avventura, il senso della libertà senza che ci siano condizionamenti relazionali e psicologici, la separazione del sesso dai sentimenti, rendono l'uomo e la donna attaccabili e vulnerabili. La forza ed il benessere dell'uomo si realizzano nella sua capacità di creare e gestire "relazioni" stabili e duradure e non nel "vendersi" al miglior offerente! Anni fa fu pubblicato un libro: "Essere o avere". Questa è la scelta che ogni giorno dobbiamo fare: vogliamo essere di volta in volta un po' migliori o piuttosto vogliamo avere sempre di più, mettendo sul mercatino dell'usato anche la nostra dignità di persone? Non esiste uno spazio neutrale tra il bene ed il male, come non c'è una via di mezzo tra la virtù e il disprezzo o la svalutazione di sé. Non illudiamoci perché esiste il bene o il male, l'amore che integra e unisce oppure l'odio che separa e umilia. Meditate gente. . . meditate. Fabio.
  • Nicola Lo Conte il 09/01/2015 12:07
    Grazie, Ugo, è sempre un piacere ricevere un tuo autorevole commento...
    Buon Anno
  • Ugo Mastrogiovanni il 09/01/2015 11:33
    Un "forse" molto azzeccato; starà a noi giudicare? Mi sei piaciuto.
  • Nicola Lo Conte il 04/01/2015 21:26
    Caro Don, nobile l'opinione quella che esprimi e che condivido pienamente.
    Nulla è peggiore della schiavitù.
  • Nicola Lo Conte il 04/01/2015 11:53
    Ciao, Andrea, e grazie per la tua gradita e condivisibile opinione.
    Di solito a giudicare sono proprio le persone che più hanno da nascondere...
  • Nicola Lo Conte il 04/01/2015 11:26
    "Si è sempre nel giusto quando si ama per amore, solo per amore."
    CONCORDO PERFETTAMENTE CON TE... carissima Chira...
    Grazie...
  • Chira il 04/01/2015 11:13
    Si è sempre nel giusto quando si ama per amore, solo per amore.
    Chiara
  • Nicola Lo Conte il 04/01/2015 11:03
    Ciao, Cristiano e grazie per il tuo intervento...
    Vero, le donne amano la seduzione... del resto è anche per questo che le amiamo!
  • Nicola Lo Conte il 04/01/2015 10:57
    Grazie, Luca, per il tuo commento...
    Non intendevo parlare di prostituzione, bensì ad una ragazza conosciuta anni fa che mi confesso di aver fatto quella scelta di vita e che mi ispirò questi versi.
  • Nicola Lo Conte il 04/01/2015 09:27
    Vero, caro Vince... l'importante è dare amore... senza ipocrisia.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0