PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Clochard

Si gela stasera, la strada è deserta
son spente le insegne, dan luce i lampioni
la neve che avvolge è stesa a coperta
il vecchio è seduto in mezzo ai bidoni

con gli abiti lisi ed un lercio cappotto
le scarpe bucate son prive di stringhe
è triste il suo viso non ha un bel'aspetto
sarà forse il freddo ma pare sia esangue

si fa ancora un sorso, il vino è ormai poco
sistema i cartoni per farne un lettino
ah quanto gli manca il calore di un fuoco
si volta e accarezza il suo bastardino

poi prende da tasca un pezzo di pane
lo spezza tirandolo da entrambe le mani
lo offre con garbo a quel piccolo cane
"è fatta per oggi" gli dice" a domani"

lo guardo e non so, non riesco a capire
ma credo che sia la mia onesta opinione
e mentre lo vedo tranquillo dormire
mi chiedo: tra noi chi è davvero il barbone...

 

1
2 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 09/01/2015 09:24
    Una fotografia che rattrista... stupendamente zoomata.
  • Vincenzo Capitanucci il 09/01/2015 02:27
    "è fatta per oggi" gli dice" a domani" ... molto bella Andrea..
  • luigi coda il 08/01/2015 20:32
    Un'antica fiaba racconta che i servitori non riuscirono a portare al re malato la camicia dell'uomo più felice del mondo. Costui infatti era così povero da non possedere neppure la camicia. Tra noi, chi è davvero il barbone?
  • cristiano comelli il 08/01/2015 18:36
    La figura del clochard, termine che mi suona meglio di barbone, mi ha sempre affascinato e sono compiaciuto nel vederla ancora trattata in questo sito con una penna di estrema delicatezza. Il clochard spesso sceglie la povertà per riappropriarsi di quel concetto di semplicità, di magie che il tempo rischiadi scolorire come godersi un cielo stellato senza fretta, senza condizionamenti, senza brusii intorno. E se, da questo punto di vista, riscoprissimo un po' tutti il clochard che regna in noi? Cordialità.

2 commenti:

  • anna rita pincopallo il 08/01/2015 18:45
    bravo poesia molto bella e vera apprezzatissima
  • Verbena il 08/01/2015 16:20
    Ciao Andrea, desidero soltanto dirti che ho scritto tempo fa una poesia co n il titolo della tua "Clochard" Lo dico solo per tua conoscenza poiché attualmente è pubblicata in altro sito. Complimenti per la tua.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0