accedi   |   crea nuovo account

Regal Torino

Augusta creatura germogliasti,
da anima atavica di Taurini,
orgoglio mai barbaro ma fiero,
di chi grandezza ha,
scolpita in ogni anfratto di pensiero.
Torino,
conchiglia baciata da un cielo aperto,
stelo robusto tra le regali dita
di casa Savoia e di Carlo Alberto;
di immortali fasti sempiterna pregna,
pria e poi che capitale fosti,
del ruggente regno di Sardegna.
Torino,
vergine delicata e intonsa,
ch' il ribollire industriale coccolasti,
Torino che ondeggiare fai
in angoli complici di aria,
l'indomabile coscienza proletaria.
Restano lacrime
sulla tua pelle che pur nobiltà verga,
al pensiero mai cenere,
del dramma di Superga.
Torino,
diadema di primula arcana,
che vegliata sei da sempre,
dalla Mole Antonelliana.
Ostello multiforme,
di umili e signori,
fantasia di compiute lamiere,
che germinavano da Mirafiori.
E tra mai sopiti fasti egizi,
e stendardi rilucenti d'artiglieria,
regali sul tuo ondeggiare alato,
di porta Palazzo il mercato.
Sì, Torino,
un po' granata e un po' bianconera,
coccinella dalla croma straordinaria,
ostaggio sorridente,
della tua Dora Riparia.
Mai cieli grigi,
s'udranno borbottar su Stupinigi,
solo baci intarsiati di innamorati,
che l'autografo al loro comun destino,
affidano alle labbra
del parco del Valentino.
Torino liberty
fantasia di spumeggianti porticati,
fà che di viaggi onirici piova,
la stazione di porta Nuova.
Torino,
dama di marzapane
nel silenzio della sera
le tue luci ti inventano preghiera.

 

1
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 09/01/2015 09:27
    È la città che tutti adorano... e la grandezza dei tuoi versi lo testimoniano... BUONA GIORNATA
  • Vincenzo Capitanucci il 09/01/2015 02:14
    Torino,
    dama di marzapane
    nel silenzio della sera
    le tue luci ti inventano preghiera.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0