accedi   |   crea nuovo account

Ricotdando Rita Atria

Mafia,
orrida onda
di piombo vigliacco e traditore
insulsamente madida,
mai le tue macchie uccideranno,
queste onde di mare siculo,
che vele di giustizia e libertà,
gravide d'amore trasportano,
in questa Trinacria
nobile conchiglia arabica,
di cui tentasti di avvelenare il sole.
Riposo ora
al tepore del tuo volto padre
che in lingua di terra
in fetido aroma di violenza mutata,
troppo presto ebbi smarrito.
Mi fu calore e speranza
un altro padre
il cui coraggio nome aveva toga,
Paolo Borsellino aveva nome,
e spada fiera era
di regal anelato risorgimento
della mia adorata terra.
Ma quel giorno in via D'Amelio,
cessò Paolo di esser storia,
e mutato fu in nuvola d'aria,
dal ruggito d'una bomba codarda.
Fu allor che davvero compresi,
l'autentico volto della solitudine,
quel desiderio di veder trionfare il bene,
che viaggia sperduto e gemente,
nell'indifferenza gelida della moltitudine.
E così, io, Rita,
ritenni che più non dovesse scrivere,
sul diario di giorni tremanti,
la mia esile e innocente matita,
ma tu, lurida mafia,
certa stai,
ch'un giorno anche tu,
tra le fauci morirai,
del maledirti che percorse il mio breve vivere.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Nicola Saracino il 10/01/2015 18:32
    onore a loro e a chi mantiene viva la memoria
  • cristiano comelli il 09/01/2015 21:09
    Suicida a soli diciassette anni, Rita Atria fu una piccola grande donna coraggio che trovò in Paolo Borsellino il suo confessore raccontandogli ciò che sapeva di una mafia che purtroppo, senza farne parte, conosceva da vicino. Riposa in pace, Rita, e non temere, il male perderà un giorno, anche se non so dirtiquando. Ciao piccola, un bacio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0