PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sulla pelle di Novara

Sciabordare rovente di risaie,
di soavità ch'inquietudini fende,
ancella longobarda,
e matrona asburgica
t'ostendi carezzevole Novara,
il tuo rivelarsi limpido e netto,
scorre di animo indigeno,
incontaminato,
nell'arengo del Broletto,
e nel tuo duomo rilucente di storicità,
si declina l'ombra rinfrescante,
della primitiva eppur attuale
neoclassicità.
Madre Agogna
e padre Terdoppio,
torrenti che ti cullan
fedeli genitori,
che silenti si adagiano
nella multiforme orchestra della natura.
San Gaudenzio,
santa Maria delle Grazie,
san Marco
urlano il tuo fremito di religiosità pura,
nave che sicura evita,
ogni scoglio di umana paura.
Madonna del Latte
bacia con le tue seducenti cromature,
gli estasiati astanti,
della chiesa di Ognissanti.
Novara,
che culla fosti
di chi offrì istituzionali servigi,
Scalfaro Oscar Luigi
e che plaudisti con il fiato
che dal carcere evadeva della gola
ai fasti del grande Silvio Piola.
Novara,
emblema di semplicità,
che nessun tempo mai umilierà.

 

0
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Nicola Lo Conte il 12/01/2015 19:53
    Pregevoli versi, che morbidamente avvolgono le pietre, la storia ed i fasti della bella Novara.
  • Verbena il 09/01/2015 22:29
    Mi ha colpito questa tua poesia caro Cristiano poiché io abito in provincia di Novara, città che ho visitato qualche volta e che nei tuoi versi ritrovo bella e accesa di soavità dagli occhi tuoi che la sanno vedere in un'aura di poesia. Bravo!

1 commenti:

  • silvia leuzzi il 11/01/2015 12:52
    Un affresco dipinto con le parole. Ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0