PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Gli occhi rapiti su Vercelli

Affresco discreto
in un abbraccio avvinto
di divina estasi
che dalle labbra stellate del Sesia,
delicata promana.
Vercelli,
pioggia di magia che si veste
immarcescibile protagonista,
sulle pure note di violino,
del suo Viotti Giovan Battista.
Dama di scienza
che lo spumeggiare baciò
dell'anelata modernità,
di chimiche e fisiche elucubrazioni,
dell'appassionato Amedeo Avogadro,
ch'ora sempiterno splende e splenderà,
nel nome di lui dato,
alla tua università.
Celti e Libui furono il tuo battesimo
dei Visconti fosti amante e ostello,
e di essi ora conservi,
quel tesoro di castello,
diadema di aeree seduzioni,
piccola eppur grande sembri,
tra torre dell'Angelo e torre dei Tizzoni.
Vercelli,
città profumata di umili risaie,
bambina multiforme eppur quieta,
che nella matita avesti dimora,
del sommo fiorentin poeta,
su palati e gola s'estendon le tue mani,
quando offri per sublime sapore,
panissa, tartufata e bicciolani.
Oasi di romanica avvenenza,
tra le forme di sant'Andrea,
tempio di reminescenze gotiche immortali,
tra le mura di san Marco.
Piazza Cavour è tuo centro pulsante,
cesellato da fantasia di vetrine,
avvenente e scintillante,
Di passeggiar concedimi
tra le favole dei tuoi occhi belli,
poesia che per nome hai Vercelli.

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • silvia leuzzi il 11/01/2015 12:50
    Ma che bella poesia Cristiano e leggendo il tuo commento ti dirò che hai acceso la mia curiosità di visitare questa città. ritorniamo però ai tuoi versi. Una poesia quasi ottocentesca per come si snoda il verso e la scelta lessicale, che non scade nel manierismo di una ricerca lessicale, che avrebbe appesantito e sarebbe comunque stato inutile. Complimenti

2 commenti:

  • augusto villa il 15/01/2015 21:15
    Caspita, Cristiano. ... Bella questa tua dedica a Vercelli. ..
    Bello il farsi portare in giro dalle tue poesie "itineranti"!!! Bravo!
  • cristiano comelli il 09/01/2015 22:00
    Chiedo scusa se commento qualcosa che ho scritto ma devo dire che considero avere visitato Vercelli uno dei regali più belli che mi sono fatto in vita mia. E spero di averle reso omaggio con le mie povere parole come merita.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0