PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Percorso

Il mio sguardo ogni giorno più invecchiato,
fissa intorno, la solita immagine,
confusa e sbiadita da un'eco lontano,
della voce di un bimbo,
divenuto, col tempo, l'uomo che sono.


Tutto muta in silenzio,
le rughe al mio viso, un ramo;
la strada percorsa a fatica,
conserva le scene,
le gioie, le pene,
l'intera mia vita.

 

2
0 commenti     5 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • vincent corbo il 12/01/2015 06:36
    Il cambiamento (anche dell'anima?) è uno dei temi che più mi stanno a cuore. Questa poesia, in punta di piedi, sembra condurre il lettore attraverso un viaggio, quello della vita.
  • cristiano comelli il 11/01/2015 21:00
    Sì, lo sguardo invecchia ma non è affatto detto che per questo debba rassegnarsi a guardare le cose con stanchezza. Dalla sua poesia evinco anzi l'immagine di uno sguardo che rivendica il diritto, a dispetto degli anni cheimpietosi trascorrono, di osservare sempre la realtà con occhi giovani, freschi e incantati. Cordialità.
  • Rocco Michele LETTINI il 11/01/2015 18:25
    Un riflettere in versi di verità... Elogiabile...
  • Francesca La Torre il 11/01/2015 17:53
    Hai centrato il problema della vita, degli avvenimenti che si susseguono e che ci rendono come siamo nell'eta' matura. non bisogna rimpiange re nulla, non si puo' perche' indietro non si torna, ma bisogna essere felici per aver vissuto.
  • andrea il 11/01/2015 15:29
    la vita è un percorso,è importante conservare le immagini ed i ricordi, ci aiutano, se siamo fortunati, ad invecchiare. Saluti

0 commenti: