accedi   |   crea nuovo account

Bergamo due anime

Atavico disegno,
dal grembo di fiera
laboriosa matita orobica,
erompi
Bergamo diario
che di cento vite brulica.
Culla ti fuoro,
gli ancestrali fasti gallici
cesellati da Cenomani e Senoni
scintilla la tua forza nel basalto,
del monte di canto Alto,
estasi idriche scintillanti
di freschi, generosi misteri,
sono Brembo e Serio
che ogni giorno ti ricamano carezze.
Alta t'ergi a compiuta beltà,
gravida di medievali seduzioni,
Conca Fiorita, Redona, Monterosso,
le note color purezza di Donizetti,
e la statua ruggente del Colleoni.
Invito agli sguardi d'ogni generazione,
è lo splendore di fontana Contarini,
e di palazzo della Ragione,
fascino che sbriciola ogni confine,
troneggia nella tua Rocca,
e nelle tue Muraine.
Bassa offri altro soave scorcio,
della tua scalpitante identità,
chiesa di Santo Stefano e Bartolomeo,
e come la più amorevole onda,
il torrente Morla ti circonda.
Bergamo
fiore di primavera
da profumo incontaminato e innato,
che prender sai anche
chi ti ama e ammira per il palato,
tra i tuoi piatti succulenti scorrono
fantasie di casonsei,
e di polenta e osei.
Bergamo meravigliosa e sbarazzina,
vestita della casacca atalantina,
bacio eterno ti posa sulla fronte,
papa Roncalli,
che brilla a Sotto il Monte.

 

2
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 12/01/2015 06:36
    BERGAMO... UNA CITTA DA VIVERE E DA APPREZZARE... LO FAI INTENDERE NEI TUOI MERAVIGLIOSI VERSI...

1 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 12/01/2015 07:58
    Bellissima Cristiano.. ci hai offerto con ottima poetica guida.. una splendida passeggiata in Bergamo...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0