PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Volevo scrivere non so cosa ed ecco cosa è venuto fuori

Nel lungo incedere a volte ci perdiamo
Quando nell'agonia di giorni uguali
Cerchiamo quel che forse è mai esistito
Smarrendo la realtà di quel che è

E nel rincorrere le ormai stanche utopie
Come rottami tenuti a fil di ferro
Perdiamo i pezzi lasciando sulla via
I nostri sogni morenti senza storia

In fondo tutto ha un senso e tutto un fine
Qualcosa rimarrà a nostra memoria
Perché se fosse invero all'incontrario
A nulla il nostro vivere è servito...

 

0
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • cristiano comelli il 12/01/2015 17:32
    Beh, se questo è non sapere cosa scrivere sia ode a tutti coloro che non sanno cosa scrivono. Io, sfortunatamente, so di non dovere scrivere ma sono affetto da questa droga e non riesco a liberarmene. Cordialità.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0