PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

A te Figlio

Quann duorm' pare nangiulillo
suonne meraviglie e fate turchine
magie 'e feste dint' a nangolo
'e paraviso
addò sta mamma toja.

Nun te scetà continua a durmì
ca papà tuojo veglia pe te,
e si dinte o' suonn t'avissa scetà
chiamma a papà nun te scurdà.

Sempe a te penso a notte nun dormo
e si nu pensiero cattive me vene
penza a te 'e mai chiù me vene.

Duorme a papà famme cuntento
ca si tu stai buono papà te vo bene
po' te fai gruosso'e io piccerillo
tu faje o' pate e io faccio o' figlio.

 

0
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 19/01/2015 17:47
    Anch'io ho capito benissimo questa tua bellissima, anzi il dialetto, sembra napoletano, la rendo ancora più calorosa e soave. Complimenti!
  • andrea il 12/01/2015 15:39
    mi immagino la scena: tu che guardi tuo figlio dormire, che speri che dorma, che lo vedi come un piccolo angelo, bella poesia

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0