PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Dolce Cremona

Conca d'ogni tempo baciata,
da fantasie di labbra
che di prelibatezza e risate,
ricolme giacciono e fiere,
ardente sposa
or bizantina or longobarda
indomita guerriera
che d'amor s'avvinse di libertà,
alla Lega Lombarda.
Ti è re fedele e amabil custode,
il troneggiare ancestrale del torrazzo,
mentre vibrano i palati,
di cibarie seducenti,
che per te valgon religione,
mostarda, marubini e torrone.
Cremona,
sole che da un raggio partorì,
diluviali e carezzevoli sollazzi,
al mondo regalando,
il recitar d'Ugo Tognazzi,
Cremona,
sorso di voce divina,
che nell'ugola scorre immutata,
dell'inarrivabile Mina
che tigre fu e resta,
con artigli innati
di vocal virtù.
Scorrono i navigli
a barcarola laboriosa e celestiale
verso le sponde del tuo porto fluviale,
loggia dei Militi,
i palazzi Fodri e Cavalcabò,
germogliano festanti
nutriti di atavica bellezza,
da chi padre ti fu e figlio,
Padus per i latini,
ora chiamato Po.
Esisti regina,
Cremona,
ritratto di una notte
che scodinzola a brecce di luna,
e che sulla tua eburnea pelle scrive,
quanto d'esser così ti sia fortuna.

 

0
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 13/01/2015 14:21
    Molto piaciuta ed apprezzata questa tua si tanto bella.
  • Rocco Michele LETTINI il 12/01/2015 22:28
    DALLA DOLCEZZA DEL TORRONE... ALLA GRANDEZZA DE LI SUOI ASTRI... LA CREMONA S'ELEVA... STUPENDA CRISTIANO

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0