accedi   |   crea nuovo account

Ce potevo pensa' prima

Quanno ve guardo,
figli miei!
Guardo quel che fui.
Sento scorrere il tempo,
lungo i rivoli delle mie rughe,
quel tempo che pe' voi
non ha ore
e lo sprecate,
senza fa' tutte quelle cose
pe' cui poi ve magnerete le mano.
Se me guardate bene
io nun ce l'ho già più
me le so magnate a mozzichi
e me rammarico a vedevve
e nella testa me frulla
sempre 'a stessa cosa:
Ce potevo pensa' prima,
invece de fa la cretina!

 

1
4 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • cristiano comelli il 13/01/2015 22:15
    Ma no dai, Silvia, ogni azione anche la più piccola o la più infelice è quella che serve a plasmarci come persone, la vita procede, direbbero gli scienziati, per prove ed errori e in questo sta il suo fascino. In un mondo nel quale esistessero unicamente uomini robot che si programmano su misura e non sbagliano mai, e non è detto che non ci si arrivi nell'era dell'automazione selvaggia e indiscriminata, non ci vorrei davvero vivere. Meglio la persona nella sua autenticità di traguardi raggiunti, sogni cesellati e poi suscettibili o meno di realizzazione e inevitabili fallimenti. Questo è il senso pieno del vivere, sapere che ogni cosa, giusta o sbagliata, è al servizio del nostro essere. Ciao.
  • andrea il 13/01/2015 07:57
    in effetti credo che tutti in un modo o nell'altro abbiamo rimorsi e rimpianti, ma la gioventù va vissuta con tutti gli errori che comprende, meglio fare e pentirsi che pentirsi di non aver fatto, te lo dice uno che ormai è nonno e che come te si è morsicato non una ma tutte due le mani, saluti.
  • Rocco Michele LETTINI il 12/01/2015 22:32
    IL PIANTO VERO E SINCERO DI UNA MADRE IN UNA TOCCANTE POESIA...

4 commenti:

  • silvia leuzzi il 14/01/2015 11:09
    Ma certo Cristiano, queste sono considerazioni generiche che però è utile ripetere ai giovani.
    Grazie Consuelo hai l'età di mio figlio e se sono riuscita a dire anche una parola che ti ritorna utile SONO FELICISSIMA CIAOOOO.
  • consuelo il 13/01/2015 16:56
    Ho 23 anni. Una poesia che spinge a vivere in modo dionisiaco. Seguirò il tuo consiglio 😄 bella!
  • Anonimo il 13/01/2015 10:29
    Cari amici queste sono le classiche considerazioni dovute all'età, che mi hanno fatto e che faccio a mia volta. Ringrazio tanto sia Rocco, la cui sensibilità è conosciuta e Bruno al quale dico che non mi cruccio ma che ci penso spesso, sarà la vita che mi abbandona ahahhah Caro Andrea un vero piacere leggere le tue considerazioni. A rileggerci amici
  • Bruno Gasparri il 12/01/2015 21:34
    É sempre meglio, anche se a volte pensare troppo fa male.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0