PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Non solo Parigi

Tornerò a cogliere fiori bianchi
nel prato verde della mia infanzia
per sfuggire al nero della morte
e al rosso del sangue nelle strade.

Scriverò canzoni d'amore universale
su di un pentagramma senza righe
per non sentire le note acute degli spari
e le urla disperate di chi implora pietà.

L'incedere degli anni porta capelli bianchi
e lacrime amare versate a fiumi
per quest'umanità sempre più lontana
dalla fratellanza e dalla solidarietà.

Sento sulla pelle la paura
di chi è in attesa di morire,
sento nelle orecchie i suoni disarticolati
di chi soffre nel silenzio e nell'angoscia.

Bimbe come scudi smembrate dalla fede,
bambini sorridenti con fucili sulle spalle,
donne senza volto sepolte dalle pietre,
perdonate l'insana follia di uomini crudeli.

E voi, fratelli sterminati a milioni in macelli
intrisi di sangue, terrore e cattiveria,
voi che nascete solo per morire,
perdonate chi nasce solo per mangiare.

 

1
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • andrea il 13/01/2015 17:40
    sarebbe giusto nascere per vivere, tutti con le stesse possibilità, senza le enormi disparità tra i popoli, senza la guerra in nome delle religioni senza..., sarebbe giusto ma non lo è. Bella la poesia
  • Rocco Michele LETTINI il 13/01/2015 17:09
    QUARTINE DILIGENTEMENTE MEDITATE... IL MIO ELOGIO

2 commenti:

  • loretta margherita citarei il 14/01/2015 04:57
    molto bella complimenti
  • Ellebi il 13/01/2015 12:34
    Apprezzata, ed è vero, non solo Parigi, ma non dobbiamo aver timore di nominare il terrorismo islamico per quello che è, ormai l'unico vero terrorismo a livello globale. Un saluto.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0