username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Ad un amico

Il gioco, giro della vita, non si ferma.
Non si fermano le sue stagioni, che continuano a passare,
in men che non si dica siamo già a Natale:
Luce lustrini, l'albero altezzoso, fiero svetta su nel cielo.
Tutti presi per questa miracolosa impresa vogliono partecipare.
Tutti presenti davanti al bambinello, piccolo indifeso e tutto nudo,
felice sgambetta sulla ruvida paglia, così fragile fa tanta tenerezza!
Lui guarda te, Lui guarda me, ci guarda tutti con i suoi occhi onniscienti.
Tutti ci ama, di un amore molto grande, tanto grande è questo amore
che vuol dare la sua vita, in questa offerta Lui non fa distinzioni,
non guarda razza, non guarda colori, si dona a tutti con tutto il suo cuore.
Nolenti o volenti, ciò dobbiamo accettare,
si è infuso in noi fin giù nel nostro profondo essere.
Chi ti rende così sensibile, attento, onesto, caritatevole, premuroso e accorto!
Non senti quella spinta che viene su dal tuo profondo essere.
È Lui, che è parte di te, tu ignorando te lo porti appresso.
Nelle tue ricerche non lo hai trovato o non lo hai voluto capire.
Queste semplici e veritiere parole che vengo ad elencare,
passano e vanno oltre il materiale, sono salutari e semplici da capire.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0