username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Nebbia

La valle stamattina s'è svegliata nella nebbia
e anche libero da gioghi mi sentivo in una gabbia,
dove la disperazione si rifrangeva in rabbia
nel rimpiangere una vita scritta solo sulla sabbia.

Parole misere, cancellate dal moto eterno delle onde,
che avanzata su avanzata con la schiuma le confonde.
Resto il ramo rigettato senza frutti e senza fronde
resto terra attraversata dalle crepe più profonde.

Sotto il cielo che mi ammanta e sotto il giudice universo
sono il tempo che viviamo, a volte dolce a volte avverso,
sono un granchio seppellito nel fondale e poi riemerso
e mi ostino a camminare che sia pure di traverso.

E come il mare sconfinato si rovescia e non si stanca
lotto senza posa per quel che ho avuto e quel che manca,
con il vento che mi sferza e la tempesta che mi sfianca,
con il sole che che mi asciuga e la luna che mi affranca.

E non ci saranno onde o crepe a cancellare quel che sono,
né abbastanza nebbia per confondermi col vano.
Né ci saranno piogge a trascinarmi via,
la vita che mi veste non la lascio, è solo mia. ​

 

1
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 16/01/2015 12:17
    Quartine incantevoli e giustamente rimate, da darle un non so che, di fantastico, e meriti lode.
  • andrea il 15/01/2015 19:53
    giusto, ogni vita che ci veste è nostra e nel bene o nel male non dobbiamo lasciarla andar via, bella poesia dalle ottime rime.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0