username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Là c'era il giorno

Come onda di mare
attraversi le maglie
di una vecchia rete

il giorno lacera

se non incontra
tuffo di gabbiano
il ribollir delle tue acque azzurre e pescose

e
si perturba
la luna

se non trova
isole d'orizzonte

ad innalzar la salsedine del suo petto
nel scintillio di un cielo stellato

vanno
a svanire i tuoi occhi

vasti
e distesi
d'insanguinata ferita

inascoltati
e non visti

senza bocca
né braccia

avvolti
e infranti

in un precipitar d'ombre schiumanti e sassi inquieti di note amanti

 

2
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • cristiano comelli il 17/01/2015 17:36
    Laddove la dolcezza del mare incrocia quella della poesia, ecco il mitico Vincenzo che sa sempre cogliere e farci gustare le bellezze dell'uno e dell'altra in un intarsio mai banale e anzi sempre gravido di suggestioni nuove e inesplorate. Ciao.
  • Rocco Michele LETTINI il 17/01/2015 17:25
    Tanto sentimento per presentarla in straordinaria metafora... Buona Domenica Vincè.

2 commenti:

  • andrea il 17/01/2015 15:52
    semplicemente stupenda!!!
  • Sabrina C. P. il 17/01/2015 12:38
    un bacio per il cuore e per l'anima

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0