username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Unsere liebe Bolzano

Sguardo fieramente meticcio,
un'iride protesa all'italica beltà,
e un'altra all'austriaca nobiltà,
Bolzano Bozen
che dal fruscio rinfrescante del mattino,
all'adagiarsi discreto del mantello della sera,
cullata sei,
da Adige, Isarco e Talvera,
inscalfibile matrona altoatesina,
protetta sei dal tepore di duplice mano,
beata Vergine e Arrigo da Bolzano.
Gravida d'incanto sopraffino,
nella tua cadenza
profumata d'ancestral ladino,
quanto il respir di chi ti vive a fondo,
sovrano si bea e ci guadagna,
tra le labbra di storia madide,
del tuo museo della montagna.
Castel Mareccio e i suoi capolavori di pittura,
mai ti scoprirono prostrata,
neppur quel giorno maledetto,
in cui per le tue ruggenti strade,
il sangue di Franz Innerhofer
fu fatto scorrere da vigliacca rappresaglia,
Bozen Blutsonntag,
le vene non ti rapirono
ma anzi ti reser più robuste.
Vi è un antro tuo,
intriso di richiamo divino,
scorger lo potremo umili e devoti
tra abbazia di Mari-Gries
e chiese dei cappuccini e di Sant'Agostino.
Finchè carezzevoli ci scorteranno
intonse gemme di prisca eppur attuale
estasi musicale,
tra l'auditorium Haydn e il teatro comunale.
Il museo di Karl Delug
scrigno ineffabil è della tua storia,
e mostra come uom sarà mai solo
se cullar si lascia complice bimbo,
dall'incanto innato del sud Tirolo.
Questo e altr'ancora offrire sai
iridescente vergine Bolzano,
di zucchero e levità è quel treno,
che a baciar ci porta,
le pelli di Brunico, Merano,
Bressanone e Vipiteno
e l'animo si tinge di sereno.

 

1
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 18/01/2015 07:13
    Sono Splendide Cristiano.. sei una fantastica poetica guida..

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0